Verniciata grigio antracite

 

Nur designed by Ernesto Gismondi  for Artemide 2003

Oggi c’è più pregnanza poetica nella lampada a sospensione Nur di Ernesto Gismondi per Artemide che in un verso di un poeta degli ultimi cinquant’anni…

Pavimento in resina grigio perla, pareti bianche, porose, perché diano piacere tattile agli occhi, quando le attraverso. La mia nuova lampada a sospensione con filtro rosa. Ed è subito Milano. Il mio ultraspazio. Leggo. Alzo lo sguardo. C’è più pregnanza poetica nella lampada Nur di Ernesto Gismondi per Artemide che in un verso di un poeta degli ultimi cinquant’anni.

Con Nur ho un rapporto empatico. Immediato. Disegnata da pochi tratti, è nata dal gesto fulmineo che scongiura lo sbadiglio ozioso del pensiero logico. Invitandomi a un rapporto intuitivo con le sue forme, Ernesto Gismondi abolisce quella distanza fra soggetto e oggetto che la mistica della razionalità vorrebbe imporre, creando finalmente un orizzonte dischiuso al senso dal soggetto. Orizzonte su cui proiettare le molteplici visioni del mondo. Dove il realismo sfocia nella metafisica. Non esistendo realtà autonoma dal linguaggio, non la descrive. La articola.

Tutti noi abbiamo urgenza di essere rappresentati dal linguaggio, di essere declinati in nuove forme, per resisterne alla simbolizzazione. Alla stilizzazione. Alla riduzione al corpo di Cristo. Vedo tanti piccoli nomadi in giro che chiedono asilo. Al chiuso delle loro stanze.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Sulle strutture. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...