Se oggi fosse domani

Pierre Huyghe
Two minutes  out of time
2000

Col suo ultimo film (Inland Empire, Usa/Polonia/Francia, 2006) David Lynch spoglia di ogni dimensione trascendentale il tempo, che non scorre indipendente da ciò che accade, ma ne è la conseguenza.
Nella simultaneità degli eventi, lo spazio viene dilatato, perché si possa attraversare l’intervallo di tempo, modificando l’accadimento fatale.

L’attrice interviene direttamente sulla tragica storia che sta interpretando, per restituire alla protagonista la vita che nella rappresentazione le viene strappata.

Un film che scardina la costruzione escatologica del tempo, di cui la psiche occidentale è  intrisa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sulle strutture. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Se oggi fosse domani

  1. Giuseppe Iannozzi ha detto:

    Film che non ho ancora avuto modo di vedere, ma da ammiratore di David Lynch sicuramente non me lo farò mancare. Di Lynch apprezzo soprattutto la dilatazione dello spazio, del tempo che è nei personaggi stessi più che nell’intorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...