The physical impossibility of death

Damien Hirst
The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone Living
1991

Quando nel 1991 Damien Hirst immerse in una vetrina d’acciaio piena di formaldeide uno squalo tigre, sottrasse, con un’intuizione eidetica, l’orgasmo di morte dalla contingenza eiaculatoria dell’ultimo spasimo.   

Non può esserci esperienza empirica del momento della morte dato che questo momento è precisamente l’evacuazione di ogni esperienza fisica.

Con quest’opera, l’artista inglese rappresenta il vivente organico allo stato privo di vita. L’orgasmo prima dell’eiaculazione. L’estasi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sulle strutture. Contrassegna il permalink.

2 risposte a The physical impossibility of death

  1. Marco ha detto:

    Credo che Hirst sia uno dei pochi che abbiano capito veramente ciò che succede nel momento in cui qualcosa finisce e conseguentemente il rapporto che vi è tra la conclusione di qualcosa e noi, che l’abbiamo vissuta o che l’abbiamo semplicemente vista.
    Damien è uno degli artisti più geniali di questo secolo.

  2. fe ha detto:

    e io che credevo fosse solo un furbastro…
    fe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...